Delight, if the wind that enters into the orchard
there stirs up the surge of life:
here where sinks a dead
tangle of memories,
was not a garden, but a reliquary.

The flutter that you sense is not a flight
but the exciting of the eternal womb;
see how it is transformed — this strip
of earth, isolated, in a crucible.

A vexation is here from the precipitous wall.
If you proceed you bump into,
perhaps, the spectre that saves you:
composed here are the histories, the deeds
blotted out for the game of the future.

Search for a mesh broken in the net
that clasps us, leap out, flee!
Go, for you I have begged for it, — now my thirst
will be light, less acrid the rust….


Godi se il vento ch’ entra nel pomario
vi rimena l’ondata della vita:
qui dove affonda un morto
viluppo di memorie,
orto non era, ma reliquario.

Il frullo che tu senti non è un volo,
ma il commuoversi dell’eterno grembo;
vedi che si trasforma questo lembo
di terra solitario in un crogiuolo.

Un rovello è di qua dall’erto muro.
Se procedi t’ imbatti
tu forse nel fantasma che ti salva:
si compongono qui le storie, gli atti
scancellati pel giuoco del futuro.

Cerca una maglia rotta nella rete
che ci stringe, tu balza fuori, fuggi!
Va, per te l’ho pregato, – ora la sete
mi sarà lieve, meno acre la ruggine…